Percorsi Interdisciplinari

Poliambulatorio
Nella Casa di Cura San Camillo di Milano sono ormai consolidate le realtà interdisciplinari che coinvolgono specialisti di eccellenza nei diversi ambiti di afferenza.
Tali servizi assicurano al paziente una competenza trasversale: sono attivi percorsi che vedono coinvolti ginecologi, urologi, proctologi, specialisti nell'ambito riabilitativo.
 
La struttura ha recentemente sviluppato  e reso operativo un servizio dedicato di proctologia. 
La proctologia risponde alle necessità di pazienti affetti da disturbi ano-rettali, quali prurito, dolore, bruciore, fastidio, prolasso, gonfiore, sanguinamento secrezioni, perdite e stitichezza. La visita proctologica rappresenta la risposta più rapida ed efficace al paziente che riferisce comparsa di sintomi anorettali. Nell'ambito proctologico riveste notevole importanza il progresso registrato nelle tecniche di diagnostica strumentale, ormai implementate nella Casa di Cura. Esse hanno permesso una sempre maggiore comprensione dei complessi quadri clinici proctologici, spesso coinvolgenti importanti funzioni quali la continenza anale, la defecazione ed il transito intestinale.
La patologia proctologica riconosce, quindi, fondamentalmente quadri clinici con alterazioni morfologiche, funzionali e, molto spesso, morfo-funzionali.
All'interno del gruppo interdisciplinare si colloca una vera e propria unità riabilitativa che si compone di diverse attività specialistiche:
  • fisiatria;
  • osteopatia;
  • riabilitazione del pavimento pelvico.
 
Il fisiatra nel campo ortopedico si occupa delle patologie non chirurgiche dello scheletro che affronta con strumenti differenti a seconda del tipo di problema, avvalendosi della fisioterapia eseguita dai fisioterapisti, dalle terapie fisiche, dalle tecniche di terapia manuale alle tecniche infiltrative. E' responsabile del progetto riabilitativo e ne coordina gli interventi tecnici, effettua la diagnosi della menomazione causa della disabilità, la diagnosi funzionale e la prognosi riabilitativa;
 
Osteopatia, appartiene alle medicine non convenzionali complementari, basate su tecniche manuali;
 
Riabilitazione del pavimento pelvico indicata nei soggetti che presentano un mal funzionamento del pavimento pelvico, ossia della struttura anatomica che chiude il bacino. Ciò può determinare alcuni disturbi tra i quali:
  • incontinenza urinaria;
  • incontinenza fecale;
  • difficoltà nei rapporti sessuali;
  • prolasso degli organi pelvici e dolore pelvico cronico.
 
La riabilitazione si avvale di metodiche manuali e strumentali, come l'elettrostimolazione.
La riabilitazione del pavimento pelvico e il trattamento osteopatico non vengono  eseguiti da medici, ma da professionisti del settore. Pertanto, per l'esecuzione di tali trattamenti risulta necessaria la prescrizione medica specialistica.
 
Nell'ottica di un completamento di un percorso diagnostico riguardante la zona pelvica, si colloca lo studio neurofisiologico pelvi-perineale. Questo si avvale  di un insieme di test neurofisiologici che permette la valutazione complessiva dei muscoli pelvi-perineali, dei nervi, delle vie motorie e sensitive e dei centri nervosi midollari e cerebrali, che assicurano la continenza e lo svuotamento viscerale.
Tra coloro che possono sottoporsi a questo esame vi sono:
  • soggetti che hanno sviluppato disfunzioni vescicali, intestinali successivamente ad interventi chirurgici o in conseguenza a traumi del bacino o dell'osso sacro;
  • soggetti che soffrono di ritenzione o incontinenza urinaria, incontinenza fecale o defecazione ostruita anche con dolore cronico pelviperineale;
  • soggetti con sospetto di una sofferenza polineuropatica (come in caso di diabete mellito).