Portale della Fondazione Opera San Camillo - Come funziona l’autotrapianto di capelli? Ne parliamo con il dottor Susicky, specialista in terapia chirurgica della calvizie - Come funziona l’autotrapianto di capelli? Ne parliamo con il dottor Susicky, specialista in terapia chirurgica della calvizie - Milano

Come funziona l’autotrapianto di capelli? Ne parliamo con il dottor Susicky, specialista in terapia chirurgica della calvizie

2021-12-01
Come funziona l’autotrapianto di capelli? Ne parliamo con il dottor Susicky, specialista in terapia chirurgica della calvizie

In caso di chirurgia estetica della calvizie, è lecito chiedersi se i capelli trapiantati possono cadere. Abbiamo posto questa domanda al dottor Alessandro Susicky, otorinolaringoiatra presso il San Camillo e specialista in autotrapianto con tecnica FUE. Dopo aver parlato delle patologie più comuni che causano la perdita di capelli, come l’alopecia, qui approfondiamo l’operazione di autotrapianto dei capelli e quali tipi di risultati aspettarsi.

 

Prima di tutto, è sempre possibile eseguire un autotrapianto?

Non ci sono limiti d’età, ma solo regole dettate dal buon senso: il paziente deve godere cioè di buona salute per cui non presentare malattie autoimmuni, diabete, malattie della coagulazione del sangue, altrimenti fare un intervento di chirurgia estetica non avrebbe senso. Anche in età avanzata si può essere sottoposti a questo tipo di trattamento.

 

Come avviene l’operazione e/o quante sedute sono necessarie?

L’intervento si svolge ambulatoriamente in anestesia locale. In base all’estensione della zona da trattare può essere sufficiente una seduta, ma si può arrivare anche a due o tre sedute. In linea di massima le zone da trattare non devono essere particolarmente estese.
Dopo aver effettuato l’anestesia locale nella zona occipitale della testa, vengono prelevati dei bulbi piliferi impiantati poi nella zona ricevente. Tutto questo si svolge nell’arco di due o tre ore circa. A fine intervento il paziente può tornare a casa senza medicazioni. Il decorso è molto veloce e privo di particolari problemi e nell’arco di una decina di giorni si torna sostanzialmente alla situazione preesistente al trapianto: cadono le crosticine e non ci sono più arrossamenti e gonfiori. A distanza di tre mesi dall’intervento iniziano a spuntare i nuovi bulbi e a distanza di sei mesi il paziente si rende conto del risultato ottenuto.
Ci tengo a precisare che non è assolutamente un’operazione pericolosa.

 

Serve una preparazione specifica?

Occupandomi principalmente di autotrapianto con tecnica FUT ovvero con il prelievo della striscia, posso assicurare che non è prevista alcuna preparazione: mi occuperò di radere solo i 2 cm di cuoio capelluto dalla zona del prelievo e il paziente non si accorgerà assolutamente di nulla. Per l’autotrapianto con tecnica FUE, invece, il paziente deve presentarsi già rasato. Come decorso post operatorio invece, le due tecniche sono sovrapponibili.

 

Quindi, quali risultati aspettarsi dal trapianto di capelli?

Quelli trapiantati sono capelli perenni perché insensibili all’azione ormonale di cui parlavamo in precedenza. I capelli trapiantati quindi non verranno mai persi. Il risultato è sicuramente quello di avere dei capelli in una zona dove precedentemente non c’erano più. Ovviamente non ci si può aspettare di tornare ad una situazione di capelli fitti come in giovane età, ma avere certamente una chioma con un lieve diradamento, questo si.

Dott. Alessandro Susicky - specialista in otorinolaringoiatria e chirurgia cervico-facciale (Leggi qui il CV)

 

Guarda l'intervista

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

L'obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica verso l’importanza di questa figura nell’ambito della sanità mondiale.

Il tema voluto dall'OMS quest'anno richiama all'azione ognuno di noi: perché solo insieme possiamo dare vita ad una cultura della sicurezza, della salute e della prevenzione.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte in Italia e nel Mondo e l’unica arma a nostra disposizione è una corretta prevenzione insieme ad esami e controlli periodici.