Il 1° dicembre è la giornata mondiale per la lotta all'Aids: il contributo di Pro.Sa

2019-11-28
Il 1° dicembre è la giornata mondiale per la lotta all'Aids: il contributo di Pro.Sa

Domenica 1 dicembre è la giornata mondiale per la lotta contro l’Aids, celebrata per la prima volta nel 1988 in occasione del summit mondiale dei ministri della Sanità sui programmi per la prevenzione della malattia. Nel mondo sono circa 36,7 milioni le persone che hanno contratto il virus dell’Hiv e, nonostante la sindrome sia stata identificata nel 1984, oltre 35 milioni di persone hanno perso la vita a causa dell’Aids. Si tratta, quindi, di una delle pandemie più distruttive della storia. Dagli anni Ottanta sono stati fatti progressi scientifici per il trattamento dell’infezione, sono state adottate leggi per proteggere le persone affette dalla sindrome e si hanno più strumenti per comprendere la condizione dei malati. È aumentato, inoltre, il numero di pazienti che hanno accesso alle cure: se nel 2000 solo 685.000 malati nel mondo potevano beneficiare della terapia antiretrovirale, ora vi hanno accesso più di 21 milioni di persone. Questa terapia assicura una quotidianità e un’aspettativa di vita paragonabili a quella delle persone che non hanno contratto il virus e ne riduce la possibilità di trasmissione di circa il 97%, soprattutto dalle madri ai bambini. Oggi la sfida è quella di continuare su questa strada, con l’obiettivo di garantire l’accesso ai medicinali ai circa 17 milioni di persone ancora bisognose di cure, tra cui 1,2 milioni di bambini. È fondamentale anche mettere la prevenzione dell’Hiv come priorità nella programmazione della sanità pubblica, in particolare nei Paesi in cui le infezioni sono in aumento.

In Italia sono circa 130.000 i pazienti cronicizzati e, negli ultimi sette anni, il numero di nuove diagnosi è stato stabile con circa 3.500 nuovi casi ogni anno, che interessano soprattutto i giovani tra i 25 e i 29 anni e sono causati per la maggior parte da infezioni a trasmissione sessuale, sia da rapporti eterosessuali sia omosessuali. Più del 50% delle nuove diagnosi, però, avviene in condizioni avanzate di malattia. È, questa, un’inevitabile conseguenza del calo di attenzione su questa malattia, della quale specialmente i giovanissimi sanno molto poco. La giornata mondiale contro l’Aids rappresenta, quindi, un’importante occasione per promuovere prevenzione e assistenza, combattere i pregiudizi e sollecitare i governi e la società civile affinché vengano destinate risorse appropriate per la cura e le campagne di informazione. Come gli anni scorsi, il ministero della Salute italiano ha realizzato una campagna di informazione per contrastare la diffusione del virus Hiv che si avvale della preziosa collaborazione di quattro testimonial d’eccezione: gli attori Stefano Fresi, Francesco Montanari e Dario Vergassola e la youtuber Sofia Viscardi

Da anni anche Pro.sa, la Fondazione per la Promozione Umana e la Salute Onlus Ing, costituita il 15 novembre 2001 dai religiosi camilliani sostiene programmi di cura e assistenza medica nei centri di accoglienza dei paesi in via di sviluppo per malati di Aids abbandonati e disadattati.

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il Servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto con nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

La Fondazione offre la possibilità di vivere le feste come un momento di condivisione e di solidarietà, sono tantissimi i progetti da sostenere in giro per il mondo: dall'Asia all'Africa, fino al Sud America

La Onlus camilliana opera nei paesi di sviluppo per la prevenzione e la cura di quella che viene considerata una delle pandemie più distruttive che si siano mai viste nella storia dell'uomo

Sottolinea la dottoressa Bassetti, che segue gli adolescenti nel #PassaportoSalute: "I ragazzi sono protagonisti attivi di decisioni che vengono prese assieme"