Portale della Fondazione Opera San Camillo - Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati - Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati - Milano

Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati

2020-07-14
Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati

“Più cuore in quelle mani” è il messaggio che ha lasciato san Camillo de Lellis: un'attenzione verso i malati che andasse oltre la cura della sofferenza e che abbracciasse la persona intera. La sua opera ha segnato i secoli a cavallo tra XVI e XVII ed è giunta fino a noi, con una serie di ospedali, presidi e ambulatori che offrono un'accoglienza unica e ben identificata.

Martedì 14 luglio ricorre la festa di san Camillo de Lellis, che muore a Roma in questo giorno nel 1614, dopo un vita intensa e dedicata al prossimo. Non era sempre stato così perché Camillo, che nasce a Bucchianico (in provincia di Chieti) il 25 maggio 1550, in gioventù è un soldato di ventura, amante del gioco e di una esistenza al di là di ogni limite. La conversione avviene il 2 febbraio 1575, di ritorno al convento di Manfredonia, dove era stato accolto dai frati cappuccini: decide di diventare a sua volta frate e di dedicarsi ai malati.

È un compito che affronta con grande energia, creando la Compagnia che porta il suo nome, i cui sacerdoti si mettono al servizio degli ospedali sparsi per l'Italia. Camillo è alla base di scelte della moderna sanità, come la tecnica del cambio delle lenzuola senza spostare il malato dal letto o le regole per l'illuminazione e l'aerazione delle corsie ospedaliere. Oppure come le direttive agli infermieri, organizzati per turni e obbligati a riempire la “consegna” al termine del proprio lavoro. Innovazioni in cui il malato era sempre al centro di tutto. Come avviene oggi nelle opere camilliane.

E il messaggio di san Camillo de Lellis, a Milano, viene trasmesso anche a chi frequenta il Santuario, che si trova a pochi passi dalla Casa di Cura ed è diventato negli anni un punto di riferimento per tutto il quartiere.

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

Osserva il dottor Tommaso Camerota, urologo: "Colpisce un maschio su tre dopo i 50 anni. Normalmente si risolve con una terapia farmacologica, altrimenti occorre intervenire chirurgicamente"

Spiega il dottore Norberto Confalonieri, ortopedico: "Si tratta di una malattia autoestinguibile ma, se il dolore è forte, si può curare adoperando un endoscopio nel canale lombare"

Sottolinea il dottor Tommaso Camerota, urologo: "Si hanno approcci mini-invasivi endoscopici oppure viene adoperato un laser a olmio per polverizzare e vaporizzare i calcoli"