Portale della Fondazione Opera San Camillo - L’importanza del medico dello sport: intervista al dottor Bucci, specialista di medicina sportiva - L’importanza del medico dello sport: intervista al dottor Bucci, specialista di medicina sportiva - Milano

L’importanza del medico dello sport: intervista al dottor Bucci, specialista di medicina sportiva

2021-04-22
L’importanza del medico dello sport: intervista al dottor Bucci, specialista di medicina sportiva

Certificare l’idoneità all’attività sportiva agonistica, trattare le patologie traumatiche e agire sulla prevenzione: il medico dello sport è una figura fondamentale per l’atleta e per chiunque pratichi sport. Insieme al dottor Bucci, specialista in ortopedia, traumatologia e medicina dello sport, indaghiamo gli ambiti d’azione e le principali differenze con altri specialisti.

 

Di cosa si occupa il medico dello sport?

Il medico dello sport è un’accezione comunemente usata per intendere lo specialista della medicina dello sport, ossia colui che ha in carico la figura sportiva. I suoi compiti sono abbastanza articolati e meritano delle precisazioni.

Il medico dello sport viene spesso confuso con colui che tratta solo la traumatologia dello sportivo, ma non è l’unico aspetto di questa specializzazione.

Infatti lo specialista in medicina dello sport ha due funzioni fondamentali: la prima è quella di rilasciare le idoneità alla pratica dello sport agonistico. Come sappiamo, esiste una legislazione che regolamenta la pratica dell’attività sportiva dal punto di vista medico. E tale legislazione, soprattutto in ambito italiano, è molto più stringente e precisa rispetto ad altri Paesi.

Il medico dello sport si occupa poi di tutte le patologie legate alla pratica dello sport.

Quindi, oltre a trattare le patologie legate ai traumi sportivi, lavora insieme ad altre figure sulla prevenzione degli infortuni e sulla preparazione dell’atleta.

È un compito abbastanza articolato che si avvale di un lavoro combinato con tante altre professionalità come il nutrizionista, il preparatore atletico, l’allenatore, l’atleta e non solo.

 

Quali patologie tratta di frequente lo specialista in medicina dello sport?

Focalizzando l’attenzione sulle patologie traumatologiche legate allo sport troviamo maggiormente le patologie traumatiche del ginocchio, le patologie da sovraccarico sportivo, le tendinopatie e le malattie infiammatorie e degenerative dello sport.

Dobbiamo aprire una parentesi: è importante capire che lo sport non ha solo un’accezione positiva poiché fa bene se eseguito bene, ossia con un’adeguata preparazione. Diversamente, lo sport può fare male e creare dei danni.
Uno dei compiti dello specialista in medicina dello sport è proprio quello di cercare ridurre l’incidenza di patologie di vario tipo agendo sulla prevenzione, sulle modifiche dell’allenamento in tal senso.

 

Pensando anche ad altre professionalità, cosa differenzia lo specialista in medicina dello sport dall’ortopedico e dal fisiatra?

Si tratta di tre specialità ben distinte ma assolutamente collegate tra loro intorno alla figura dell’atleta. Nello specifico, l’ortopedico è un chirurgo e si occupa non dico prevalentemente, ma maggiormente delle patologie traumatiche che richiedono un’intervenuto chirurgico.

Il fisiatra, invece, agisce in un secondo momento per gestire la terapia e accelerare il recupero dello sportivo affetto da una patologia traumatica e non. Inoltre lavora maggiormente, rispetto alla figura dell’ortopedico, sulla prevenzione dei traumi.

Lo specialista in medicina dello sport è il collante di queste figure.
Come primo passaggio, il paziente potrebbe afferire all’attenzione del medico specialista in medicina dello sport. Una volta espletate le fasi di accertamento e diagnosi, in caso di patologia traumatica, il medico dello sport demanda il paziente alle cure dell’ortopedico. L’ortopedico, a sua volta, demanda l’atleta alle cure del fisiatra.

Il lavoro in equipe è essenziale per garantire la prevenzione e la salute dello sportivo.

 

Guarda il video del dottor Bucci

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

I secondi salvano la vita - Igienizza le tue mani! È lo slogan che l’OMS ha dedicato a questa giornata che promuove un'abitudine di fondamentale importanza.

La dottoressa Rosamamaria Martino ci spiega i diversi benefici di queste due discipline, e la loro utilità soprattutto in fase di prevenzione di molte patologie.

Insieme al dottor Bucci indaghiamo gli ambiti d’azione del medico dello sport e le principali differenze con altri specialisti.