Portale della Fondazione Opera San Camillo - La festa per san Camillo de Lellis, che la Chiesa ha scelto come patrono di ospedali e malati - La festa per san Camillo de Lellis, che la Chiesa ha scelto come patrono di ospedali e malati - Milano

La festa per san Camillo de Lellis, che la Chiesa ha scelto come patrono di ospedali e malati

2019-05-23
La festa per san Camillo de Lellis, che la Chiesa ha scelto come patrono di ospedali e malati

Un gigante buono, visti i quasi due metri altezza, ma facile a cadere in tentazione. Questo era Camillo de Lellis, nato il 25 maggio 1550 a Bucchianico, vicino a Chieti, in Abruzzo. Il padre era un ufficiale di famiglia nobile, che serviva Carlo V imperatore, mentre la madre era quasi sessantenne quando mise al mondo il figlio e muore quando Camillo ha tredici anni. Una volta adulto, a diciotto anni segue le orme del padre, diventando militare di carriera. Una vita in cui non si sottrae al vizio del gioco e a un comportamento fuori dalle righe, a cominciare dal linguaggio.

Combatte contro i Turchi per la Repubblica di Venezia, poi sotto gli Spagnoli, che lo mandano in Dalmazia e a Tunisi. Ma lo perseguita un'ulcera varicosa a un piede, contratta quando era ancora al soldo della Serenissima. Viene congedato nel 1574 e si ritrova senza un soldo, avendo perso tutto al gioco. Dopo aver fatto il mendicante e aver lavorato da manovale, si converte e, il 2 febbraio 1575, chiede di entrare tra i Cappuccini. Ma l'ulcera non dà tregua, e Camillo torna all'ospedale di San Giacomo degli Incurabili, dove si mette al servizio dei malati sotto la direzione di san Filippo Neri.

Un servizio che si trasforma in carisma quando Camillo pensa a una famiglia religiosa indipendente. Diventa sacerdote il 26 maggio 1583 e il 21 settembre 1591 papa Gregorio XIV riconosce i Chierici regolari ministri degli infermi come un ordine religioso. Da Roma l'opera dei camilliani si diffonde presto prima in Italia e poi in tutto il mondo, portando il suo messaggio “più cuore in quelle mani” in ogni angolo del mondo dove ci sia una persona che soffre, avendone cura nel corpo e nell'anima.

Camillo de Lellis viene proclamato santo da Benedetto XIV il 29 giugno 1746 e patrono degli ospedali e dei malati da Leone XIII nel 1886. Il 14 luglio, giorno della morte avvenuta nel 1614, si celebra la sua festa.

 

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

Si tratta di una problematica che colpisce il 40% delle donne. Come lo cura il dottor Norberto Confalonieri, ortopedico: "Uso la chirurgia percutanea, senza cicatrici e senza mezzi di sintesi"

Osserva il dottor Antonio Grimaldi, cardiologo: "I più comuni sono dolore al petto e alterazioni del battito. Vi sono però altri indicatori, come l'eccessiva stanchezza o la postura cambiata"

 

La Casa di Cura attiva dal 6 luglio al 31 agosto un servizio che consente al malato di poter godere dell'assistenza quando questo non è garantita da familiari e caregiver