La Giornata mondiale dell'obesità, per riflettere su quella che è diventata una emergenza mondiale

2019-10-10
La Giornata mondiale dell'obesità, per riflettere su quella che è diventata una emergenza mondiale

In Italia è sovrappeso oltre una persona su tre, obesa una su dieci, diabetica più di una su venti. Ma oltre il 66% delle persone con diabete di tipo 2 è anche sovrappeso oppure obeso. E se qualche chilo di troppo, in generale, non è un problema, l’obesità invece è una malattia vera e propria che va contrastata sin da piccoli per evitare l’insorgenza di altre patologie più serie, prime tra tutte quelle cardiovascolari. Per questo in vista della Giornata nazionale di sensibilizzazione per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso quindici società scientifiche hanno firmato la Carta dei Diritti e dei Doveri della persona con obesità. Una carta nella quale ci si impegna a:

1) riconoscere l’obesità come malattia cronica caratterizzata da elevati costi economici e sociali

2) definire i ruoli degli specialisti che si occupano di tale patologia

3) assicurare alla persona il pieno accesso alle cure e ai trattamenti dietetico-alimentari, farmacologici e chirurgici e definire le prestazioni di cura e le modalità per il rimborso delle stesse

4) promuovere programmi per la prevenzione dell'obesità infantile e per la lotta alla sedentarietà 

5) implementare un Piano Nazionale sull'obesità condiviso con tutte le Regioni per sviluppare interventi basati sull'unitarietà di approccio e una migliore organizzazione dei servizi

6)  tutelare la persona in tutti gli ambiti sociali, culturali e lavorativi, da fenomeni di bullismo e combattere lo stigma del peso

In base alle stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal 1975 a oggi l’obesità nel mondo è più che triplicata. Ogni anno, questa malattia è causa del 13% dei decessi, mentre l’eccesso di peso è responsabile della perdita di 12 milioni di anni vissuti con disabilità (Dalys); gli adulti in sovrappeso raggiungono infatti il 39% della popolazione mondiale e gli obesi sono il 13%. In Italia, sulla base dei dati più recenti a disposizione e diffusi dal primo Italian Obesity Barometer Report, realizzato in collaborazione con Istat, sono oltre 23 milioni le persone over 18 in eccesso di peso, di cui quasi 18 milioni in sovrappeso e oltre 5 milioni in condizione di obesità.

L’obesità e il sovrappeso sono la seconda causa evitabile di tumori dopo il fumo e rappresentano un importante fattore di rischio per lo sviluppo di varie malattie croniche. La Casa di Cura San Camillo Milano offre specialisti che possono aiutare a contrastare l'obesità, con esami a tutto tondo che comprendono anche quelli legati al sistema endocrino e al relativo metabolismo, all'apparato cardiovascolare e alla chirurgia, legato al controllo del peso (con novità quali il palloncino Elipse) e alla ridefinizione del corpo dopo una dieta con la chirurgia estetica.

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il Servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto con nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Il dottor Camerota racconta le dinamiche dell'incontro #PassaportoSalute per i ragazzi dai 14 ai 20 anni: "Un colloquio per sapere quale sia la loro storia, la valutazione di fattori di rischio e una visita addominale"

La dottoressa Andreassi si occuperà del consulto nutrizionale: "I ragazzi racconteranno il loro rapporto con il cibo, quindi individueremo un piano alimentare personalizzato"

Si tratta di cinque percorsi specifici, per sesso e fasce di età: controlli e visite (gratuiti oppure a tariffa convenzionata) per capire il proprio stato di salute ed evitare il possibile insorgere di malattie