Neve è bello, ma attenti agli infortuni: intervista con il dottor Capitani

2018-12-21
Neve è bello, ma attenti agli infortuni: intervista con il dottor Capitani

Dottor Paolo Capitani, dallo sci allo snowboard: quali sono gli infortuni più frequenti negli sport invernali?
In questo periodo, lo sci alpino è il più diffuso al mondo, ma anche lo snowboard sta prendendo sempre più piede, specialmente tra i più giovani. Chiude questa speciale classifica degli sport invernali più praticati lo sci di fondo. In tutte queste attività, il rischio principale è quello degli infortuni di tipo traumatico, in primis legati alle articolazioni. Sono molto frequenti problemi alle ginocchia, seguono le spalle, le gambe e le mani. Ma anche la schiena è soggetta a infortuni, sono tanti i soggetti che hanno problemi di tipo lombare. La causa principale degli infortuni sono le cadute, la percentuale è alta.

Come si può prevenire problemi di questo tipo?
La preparazione dovrebbe partire da lontano, addirittura dall’estate: è bene prepararsi globalmente e in modo adeguato. La prima causa degli infortuni deriva proprio dalla scarsa preparazione fisica e atletica, sono tanti i soggetti che dopo un lungo periodo di inattività sportiva si mettono sugli sci e hanno problemi. Per questo motivo non bisognerebbe prepararsi soltanto nell’ultimo mese o addirittura presentarsi sulle piste senza allenamenti, ma stilare una tabella di lavoro. Il consiglio è andare in palestra o in bicicletta, anche la corsa è una buona alternativa: l’importante è effettuare esercizi di rinforzo del tono muscolare. Da non dimenticare, poi, il riscaldamento immediatamente precedente alla sciata: vanno bene un po’ di squat e di piegamenti, fondamentale lo stretching per le gambe e per le braccia. Oltre a tutto ciò, bisogna controllare l’equipaggiamento, dagli sci, agli scarponi fino agli attacchi. E indossare sempre casco e paraschiena.

Quali sono i soggetti più a rischio infortuni?
Innanzitutto, come detto, chi riprende a sciare dopo lunghi periodi di totale inattività. E poi, inevitabilmente, i principianti: il motivo, però, è prettamente legato alla scarsa esperienza. Sono tanti coloro i quali, alle prime sciate, non prestano attenzione al traffico delle piste, così da mettere in pericolo non solo la propria salute ma anche quella degli altri: penso a chi si ferma dove non si potrebbe, ad esempio in mezzo ai tracciati o dietro alle collinette. Ci vorrebbe più educazione in pista, è un discorso che va oltre la semplice preparazione fisica.

Qual è il modo migliore per suddividere l’attività sportiva durante la giornata?
Andare sugli sci è un po’ come andare in bicicletta, non ti dimentichi come si fa. Però, almeno per le primissime volte, è consigliabile frequentare un paio di lezioni con un maestro per riprendere dimestichezza. Non si inizia mai dalle piste più difficili, il riscaldamento è da fare sui percorsi più semplici. Lo sci è uno sport che toglie tante energie, più si scia meno i riflessi sono pronti: tra il mattino e il pomeriggio, è consigliabile una lunga pausa per ricaricare le batterie. Anche perché, durante la giornata, la neve cambia e al pomeriggio è necessario avere maggiore attenzione. Inoltre, mai stancarsi troppo il primo giorno, anche se inevitabilmente, avendo poco tempo per dedicarsi a questo sport, si vuole strafare: il secondo giorno è sempre il più duro.

Quanto incide la temperatura atmosferica sugli infortuni?
Più fa freddo, più c’è il rischio di affaticamenti muscolari o contratture. E poi c’è il rischio di perdere la sensibilità nei piedi, di conseguenza la percentuale degli infortuni cresce. Bisogna sempre tenere al caldo il corpo, l’abbigliamento che abbiamo a disposizione è perfetto: tanti capi ormai trattengono il calore lasciando traspirare il sudore senza essere eccessivamente cari. A fine pista, quando si risale in seggiovia, è fondamentale slacciare gli scarponi per riattivare la circolazione.

Spiega il dottor Rovini: "Un 15% di questo tipo di tumore possiede una frequenza superiore in ambito familiare. Il BRCA1 e il BRCA2 sono due geni responsabili di tale suscettibilità in un terzo di casi di carcinoma ereditario"

Si tratta della problematica più frequente tra le donne, da affrontare attraverso programmi di screening senologico, come avviene al San Camillo. Fondamentale reperire i tumori nella fase iniziale

Secondo gli studi di due università statunitensi le cause sono da ricercare nella proteina tau, responsabile delle placche che si accumulano con la malattia: ci sono differenze tra maschi e femmine