Portale della Fondazione Opera San Camillo - Quali sintomi devono essere tenuti sotto controllo per capire lo stato di salute del nostro cuore - Quali sintomi devono essere tenuti sotto controllo per capire lo stato di salute del nostro cuore - Milano

Quali sintomi devono essere tenuti sotto controllo per capire lo stato di salute del nostro cuore

2020-07-06
Quali sintomi devono essere tenuti sotto controllo per capire lo stato di salute del nostro cuore

Durante una visita cardiologica è importante mettere subito a fuoco quelli che possono essere i sintomi da monitorare. Il dottor Antonio Grimaldi, dal 2015 cardiologo presso la Casa di Cura San Camillo di Milano, ci spiega la sua metodologia: “I sintomi che vanno monitorati con una visita cardiologica nell'immaginario collettivo e quindi comune sono sicuramente il dolore al petto e le alterazioni della percezione del battito cardiaco. Bisogna sottolineare che questi sono in genere sintomi che facilmente mettono il paziente in allarme, perché da sempre sono ritenuti correlabili all'organo cardiaco. Però bisogna anche ricordare che i dolori, per esempio il dolore al petto tipicamente legato a una cardiopatia, non si esprime unicamente come sede in modo centrale e irradiato al braccio sinistro, ma vi possono essere dei dolori legati a cardiopatie, a ischemie, che hanno una localizzazione un po' atipica”.

GLI ALTRI SINTOMI
Attenzione dunque anche ad altri sintomi, non sempre così riconoscibili. Aggiunge il dottor Grimaldi: “Possono essere nella regione del collo, quindi dare un senso di costrizione del giugulo, oppure possono anche mimare una sindrome di mal digestione, quindi insorgere in una regione un po' più dislocata verso l'addome, e alcuni pazienti possono avvertire e magari confondere questi sintomi con uno stato di malessere che consegue a un eccesso in un pasto eccessivamente ricco”.

ATTENZIONE ALLA STANCHEZZA
Secondo il dottor Grimaldi, è bene dunque monitorare con attenzione le proprie condizioni fisiche, anche al netto delle sintomatologia comuni: “Vi sono questi sintomi, come il dolore toracico e le palpitazioni, che abbiamo detto essere facili da riconoscere e in genere portano il paziente sempre all'osservazione del medico o dello specialista cardiologo. Ve ne sono alcuni sui quali i cardiologi puntano molto e che devono entrare nella logica comune, che sono equivalenti del dolore toracico: questi sono rappresentati da un’eccessiva stanchezza, dalla mancanza di fiato che possono per esempio conseguire a stati influenzali o anche esercizi fisici prolungati, oppure anche ad alterazioni della postura, quindi capogiri improvvisi, cefalea connessi a stati ipertensivi, o anche la sensazione di perdere l'equilibrio, o anche la sensazione imminente di svenire: tutte situazioni che qualche volta possono essere anche espressione di alterazioni del ritmo cardiaco. Quindi lo scopo della visita cardiologica è proprio quello di distinguere se queste alterazioni siano la spia di una cardiopatia latenti o se invece siano l'eccesso di risposta del cuore a stimoli normali quotidiani come lo stress”.

 

Guarda l'intervista al dottor Grimaldi

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

Osserva il dottor Tommaso Camerota, urologo: "Colpisce un maschio su tre dopo i 50 anni. Normalmente si risolve con una terapia farmacologica, altrimenti occorre intervenire chirurgicamente"

Spiega il dottore Norberto Confalonieri, ortopedico: "Si tratta di una malattia autoestinguibile ma, se il dolore è forte, si può curare adoperando un endoscopio nel canale lombare"

Sottolinea il dottor Tommaso Camerota, urologo: "Si hanno approcci mini-invasivi endoscopici oppure viene adoperato un laser a olmio per polverizzare e vaporizzare i calcoli"