Portale della Fondazione Opera San Camillo - Sicurezza dei pazienti: un impegno concreto grazie a nuovi protocolli, linee guida e tecnologia d’avanguardia - Sicurezza dei pazienti: un impegno concreto grazie a nuovi protocolli, linee guida e tecnologia d’avanguardia - Milano

Sicurezza dei pazienti: un impegno concreto grazie a nuovi protocolli, linee guida e tecnologia d’avanguardia

2022-09-16
Sicurezza dei pazienti: un impegno concreto grazie a nuovi protocolli, linee guida e tecnologia d’avanguardia

Il 17 settembre di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale per la sicurezza dei pazienti, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 aprile 2019.

L’obiettivo della giornata è quello di promuovere la consapevolezza e l’informazione, sia degli operatori sanitari sia dei pazienti/ospiti, sulla necessità di garantire la sicurezza delle cure in tutti i processi assistenziali.

Le strutture sanitarie e sociosanitarie hanno infatti un obbligo legale, ma che noi del San Camillo sentiamo innanzitutto come un obbligo morale, di tutelare la salute e garantire la sicurezza delle cure offerte all’utente a seguito della legge n. 24/2017: “La sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute ed è perseguita nell’interesse dell’individuo e della collettività”

L’unico modo per garantire questa sicurezza è quindi erogare cure ed assistenza di alta qualità, mediante linee guida, protocolli e buone pratiche cliniche.

L'impegno della Fondazione Opera San Camillo nella tutela dei pazienti

In questi anni quindi abbiamo lavorato a livello di gruppo, coinvolgendo tutte le nostre strutture in maniera trasversale: case di cura per acuti, istituti di riabilitazione, poliambulatori e case di riposo che la Fondazione Opera San Camillo gestisce direttamente su tutto il territorio del centro-nord Italia, da Cremona a Milano, TorinoBologna, Genova, Venezia.

A livello di Fondazione ci siamo dunque dotati di più strumenti condivisi di Risk Management per la gestione del rischio clinico con l’obiettivo di contenere fino ad azzerarli gli errori e le conseguenze di un evento avverso.

Ad oggi abbiamo dunque riportato significativi risultati riducendo gli errori nella somministrazione della terapia e le infezioni ospedaliere, aumentando notevolmente la sorveglianza su errori ed eventi avversi e la sicurezza in sala operatoria.

 Ci siamo quindi dotati di un Foglio di terapia univoco sia per il medico prescrittore che per l’infermiere sommistratore, i quali registrano e siglano quotidianamente le rispettive attività.

√ Abbiamo introdotto un braccialetto identificativo per ogni paziente, applicato al momento del ricovero, che riporta nome, cognome, data di nascita e un codice univoco, ottenendo una riduzione drastica del rischio di somministrare una terapia o sottoporre ad un esame diagnostico il “paziente sbagliato”.

√ Ci siamo inoltre dotati di un sistema informatico per la segnalazione da parte degli operatori sanitari degli errori e degli eventi (sia dannosi sia senza conseguenze) e di uno per la sorveglianza di tutte le infezioni che possono insorgere in seguito all’attività assistenziale o all’uso di dispositivi medici (ad esempio catetere vescicale, catetere venoso). In questo modo possiamo mantenere alta la sorveglianza e dotarci di strumenti per l’individuazione delle aree e delle attività a rischio così da attuare strategie migliorative.

√ Infine abbiamo introdotto una scheda di controllo per il paziente sottoposto ad intervento chirurgico da compilare da parte dell’équipe in tutte le fasi operatorie: dai controlli effettuati si registra una corretta compilazione per tutti gli interventi chirurgici.

Resta comunque sempre importante la collaborazione dei pazienti e dei loro familiari per poter garantire in tutti gli aspetti la qualità e la sicurezza delle cure. Nella pratica cosa vuol dire? Segnalare i dubbi nella somministrazione della terapia, sopportare il fastidio del braccialetto di riconoscimento, lavarsi le mani spesso, seguire le indicazioni degli operatori sanitari per prevenire le cadute.

Prenota telefonicamente

Per l'accettazione ambulatoriale

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 1

oppure telefonando ai numeri 0267502550 o 0267502551 nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18
  • sabato, dalle 8 alle 12

Per il servizio di Diagnostica per Immagini (RX, RMN, TC, Ecografie, Mammografie, MOC)

componendo il numero 02675021 e successivamente selezionando il tasto 2 

oppure telefonando al numero 0267502575 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 17

Per Odontoiatria

telefonando al numero 0267502445 per mettersi in contatto nei seguenti orari:

  • lunedì e giovedì dalle 9 alle 19

  • martedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 18

Prenota di persona

Presso gli sportelli del Poliambulatorio:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 18.30
  • sabato, dalle 8 alle 12

Prenota online

Puoi prenotare le Prestazioni ambulatoriali online collegandoti qui
 

Successivamente all'invio della richiesta verrà richiamato da un operatore del CUP per scegliere il giorno e l'orario preferiti.

Dal sito web si possono anche ricevere informazioni di carattere generale.

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...

Sale operatorie

La Casa di Cura San Camillo dispone di quattro sale operatorie che garantiscono il rispetto...

Ogni giorno ci impegniamo per alzare gli stardard delle nostre cure e dell'assistenza verso i nostri pazienti per garantire al meglio la sicurezza in tutti i processi assistenziali

L'osteoartrosi è la più comune problematica articolare. Il fisioterapista aiuta a ridurre il doloremigliorare la mobilità articolare, la forza, l'equilibrio, migliorando la qualità della vita quotidiana

L'obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica verso l’importanza di questa figura nell’ambito della sanità mondiale.