Rettosigmoidoscopia con endoscopio flessibile

La rettosigmoidoscopia è un esame che consente di visualizzare gli ultimi trenta centimetri dell’intestino usando uno strumento, il colonscopio, che viene introdotto attraverso l’orifizio anale e fatto proseguire per il tratto interessato. La rettosigmoidoscopia permette innanzitutto di individuare o di escludere la presenza di malattie che interessano, appunto, l’ultima parte dell’intestino. Ma consente al tempo stesso di asportare eventuali polipi ed eseguire il prelievo di piccoli frammenti di tessuto (biopsia). Si tratta di prelievi assolutamente indolori, effettuati mediante l’utilizzo di pinze che vengono introdotte attraverso il colonscopio.

L’esame può durare, in genere, una decina di minuti: viene introdotta dell’aria, attraverso lo strumento endoscopico, per distendere le pareti dell’intestino e poter esplorarlo meglio. La somministrazione di farmaci sedativi o antidolorifici può essere decisa in accordo con il medico. 

Gastroenterologia - I medici

Questi sono gli specialisti di Gastroenterologia che trovate alla Casa di Cura San Camillo

Indicazioni utili per il ricovero

Se stai per affrontare un ricovero in Casa di Cura qui puoi trovare tutte le informazioni che ti occorrono...

L'attività di ricovero

Gli ospiti della Casa di Cura San Camillo hanno a disposizione 96 posti letto per ricoveri ordinari...

Gli enti convenzionati

La Casa di Cura è convenzionata con assicurazioni, fondi integrativi, fondi sanitari, aziende e casse mutue...